La presenza - Celestino ed il tesoro dei Templari

di M.Grazia Lopardi

Edizioni Il Ternario
 

Perchè l’abate Sauniere di Rennes Le Chateau si è procurato proprio la riproduzione del quadro “L’incoronazione di Celestino V a Collemaggio” di anonimo del ‘600?
Nel 1274 Pietro del Morrone, il futuro Celestino V si recò a Lione in occasione del Concilio indetto da Gregorio X, ottenendo ospitalità nella magione templare, poi divenuta convento dei Celestini, che sorgeva dove oggi è il Teatro dei Celestini.
Un romanzo?
O un racconto ispirato?
L’eremita Pietro ed il templare Giovanni si incontrano a Lione.
Riferisce la storiografia che nel 1274 Pietro del Morrone, il futuro Celestino V, si è recato nella città francese in occasione del Concilio indetto da Gregorio X ottenendo ospitalità nella Magione templare che sorgeva dove ora si trova il Teatro dei Celestini.
Riconosciuto come il predestinato a custodire l’elemento più prezioso del tesoro dei Templari, assiste alla costruzione di Santa Maria di Collemaggio, la Notre Dame dell’Aquila che lo affiderà ai posteri.